mercoledì 18 settembre 2013

crostata di frolla con composta di mele

Finalmente ho trovato il coraggio di usare un enorme barattolo di composta di mele rigorosamente fatta in casa che ci era stato spedito tempo fa dalla mamma del mio ragazzo (visto che si avvicina il momento di andarla a trovare... bisognerà che relazioni sull'uso che ne ho fatto!).



Non ho la ricetta di questa composta, ma a un'attenta analisi è risultato che: 1-probabilmente è senza zucchero; 2-si tratta in pratica di polpa di mele fatta bollire a lungo, forse con un po' di limone; 3-ricorda molto, anche se è di gran lunga più buona, le monoporzioni di frutta frullata (PER ADULTI!) che si trovano al supermercato. Mi ricordo che quelle della Melinda (mela e pera, mela e pesca, etc) erano particolarmente buone. Quindi, se qualcuno vuole copiare questa idea di crostata senza marmellata, può usare quelle come base per la farcitura.

Ingredienti (per uno stampo quadrato lato 15cm)

Per la frolla
200 g farina
100 g zucchero
95 g burro
2 tuorli
la scorza grattugiata di 1 limone



Per la farcitura

200 g composta/purea di mele
1 cucchiaio di uvette
172 barattolo di pesche sciroppate a fettine
1 cucchiaino di cannella

Preparazione

Per la frolla ho usato la ricetta che di solito uso a Natale per fare i biscotti: ingredienti secchi a fontana, la scorzetta del limone grattugiata a scaglie un po' più grosse; ho formato una palla con il burro ammorbidito e i tuorli, e ho lasciato riposare una ventina di minuti prima di stendere. Nel frattempo ho preriscaldato il forno a 180°e ho imburrato leggermente la teglia.
Nello stendere la frolla, mi sono accorta che la quantità di pasta era perfetta per la teglia, e che invece di stenderla prima e poi trasferirla potevo anche schiacciare la palla per metà e poi aggiustarla direttamente alla teglia, aiutandomi con un bicchiere al posto del mattarello e facendo in modo che rimanesse un bordo di circa mezzo cm su ogni lato.



A questo punto ho infornato la base della torta per 15 min, coperta con un foglio di alluminio riempito di fagioli come se si trattasse di una crostata seria! A metà cottura, quando cioè il biscotto era solido e solo appena marroncino sui bordi, ho sostituito i fagioli con la composta di mele e la frutta (in realtà le torte che ho fatto sono due, una con le uvette e una con le pesche), e ho fatto cuocere per un altro quarto d'ora.
Risultato, una merenda buonissima non eccessivamente dolce (la frolla era alla fine più dolce della farcitura) e -posso dirlo anche se suona dannatamente dietetico?- ricca di fibra!, che avrei voluto sfruttare come intermezzo durante i compiti... se solo avessi qualche decennio di meno e fossi di nuovo a scuola!




PS nella mia latitanza dal blog ho scoperto solo da poco che giorni fa la dolcissima Letizia di Il Risotto Perfetto mi ha regalato il Premio dell'Amicizia Blogger! Sono onorata e nonostante la mia proverbiale sbadatezza lo voglio far girare. Mi dedicherò a questo nel mio prossimo post... sto già stilando la lista dei miei vincitori! Grazie ancora Letizia!!!!!!

9 commenti:

  1. Capisco sia finita subito, sarà stata certamente buonissima con la composta fatta in casa, ora puoi relazionare positivamente alla suocera :-) ciao, a presto !!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Direi che la suocera ha guadagnato di sicuro dei punti!

      Elimina
  2. Ma dai zucchi! C'è sempre tempo per la merenda anche se non si va a scuola.
    La tua torta mi ricorda molto un dolce che ogni tanto si trova nelle pasticcerie, che prevede la purea di mela e frolla come te, ma sopra delle fettine di mela poi gelatinate.
    Ad ogni modo, ottima merenda!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non preoccuparti... il tempo è stato trovato!! :D

      Elimina
  3. Interessatissima questa crostata! Per una bella merenda o una dolce colazione è quello che ci vuole. Mettere carica e allegria :)

    RispondiElimina
  4. Ma provato l'accostamento mela/pesca in una torta, ma sembra proprio azzeccato!
    La proverò per proporre una colazione più sana e diversa al mio abitudinarissimo marito. ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chissà perché in effetti le mele e le pesche non si incontrano più di tanto. Forse perché una è più estiva, l'altra più invernale? comunque si sono piaciute! ;)

      Elimina
  5. mi piace!! adoro la crostata con la cofettura di mele e le pesche sopra ci stanno proprio bene!!

    RispondiElimina
  6. Si vede che c'è passione in ciò che fai,piacere di conoscerti vieni c'è un premio per te!

    RispondiElimina

...proprio niente da dire?!